Time Machine

Artisti

ALIBI FULMINE

Lo swing-noir degli Alibi Fulmine

Maurizio “N” Magnasciutti autore-chitarre
Sabrina Verdi voce percussioni testi
Claudio gek Giangreco contrabbasso
Emanuele Schiaffino batteria
Mauro Carbone sax
Dr.strange campionamenti video editing

Gli Alibi Fulmine,storico gruppo musicale genovese, si forma negli anni ’80 caratterizzandosi immediatamente per una proposta artistica ispirata agli anni ’40-’50.
Quella degli Alibi Fulmine è una musica d’autore difficilmente riconducibile ad un preciso genere. Ricca di contaminazioni e di incursioni in forme melodiche diverse che non consentono di identificarla con un solo termine, la proposta musicale degli Alibi Fulmine viene ironicamente definita dal suo autore, Maurizio Magnasciutti, “Swing-noir”.
Abbiamo chiesto all’autore e al gruppo, delucidazioni su questo misterioso genere.

Cos’è lo swing-noir?
Più che un genere musicale lo swing-noir è l’anima del nostro progetto. Siamo degli appassionati di noir, accaniti lettori di gialli e amanti del filone cinematografico che negli anni ’40 e ’50 si è caratterizzato per le inconfondibili atmosfere in cui uomini alla deriva, spesso ingannati e soggiogati da pericolose e non meno frustrate dark ladies, si muovevano in sordidi ambienti con un destino ormai segnato.
Lo swing è pure un genere musicale misterioso, indissolubilmente legato al jazz ma fortemente soggettivo, e che si esprime grazie a stati d’animo personalità e carattere. Forse per questo, è forte il connubio fra swing e noir cinematografico.
In Italia lo swing viene portato alla ribalta dai grandi maestri Carosone e Buscaglione nonché dal ligure Natalino Otto, ma il nostro swing è contaminato, alla ricerca di nuove sonorità e accoglie altri generi: rock’n roll, bossanova, surf.
Ma soprattutto è colorato di nero.

Cos’è allora un brano a tinte noir?
I nostri pezzi nascono dal fondo di una bottiglia di whisky, non sono consolatori, non danno certezze né soluzioni, sono animati da follie e rinunce, da personaggi “su di giri” che non hanno tempo per un no.
La scelta musicale è determinante, deve essere in grado di muoversi fra luci ed ombre deformanti, fra apparente spensieratezza e profonda inquietudine. Sempre con pungente ironia.
Per questo utilizziamo un ampia strumentazione: fiati, batteria, percussioni, chitarra, basso e contrabbasso, ma anche chitarra hawaiana, ukelele, theremin.
I video, la fotografia e la voce della cantante, Sabrina Verdi, sono fondamentali per coinvolgere lo spettatore in atmosfere retrò che ricordano le ambientazioni dei cult movies noir. Voci narranti e specifici campionamenti audio attraversano i brani sollecitando immagini e flashback.
Il nostro swing non è definibile, le tinte noir lo influenzano tanto da farlo apparire sempre diverso a chi lo ascolta. E’ un colore, uno stato d’animo, una sensazione.

Chi assiste ai vostri concerti quindi cosa si deve aspettare?
I nostri spettacoli costruiscono un ambientazione adatta al genere. Spezzoni di films anni ’40 e ’50, prevalentemente americani, accompagnano il concerto per tutta la sua durata. Gli abiti vintage e gli accessori ricercati in forma maniacale, richiamano storie di donne pallottole e whisky. Il repertorio musicale viene ulteriormente valorizzato da letture e sketch chiaramente ispirati ai classici temi del noir, al burlesque e allo spy movie.
L’ironia e il gioco imperversano nei testi delle canzoni, che raccontano di donne e uomini ordinari, che anche quando “tutto va ok” potrebbero sovvertire ogni regola della loro banale e caotica vita.

Il nostro spettacolo si adatta a diversi contesti, abbiamo suonato in piazze, su palchi di importanti festival e rassegne, in locali piccoli e grandi, durante cene a tema ed aperitivi,
Realizziamo uno spettacolo che prevede tutti gli elementi che abbiamo già elencato più qualche piccola sorpresa alla quale stiamo lavorando…..
Vi aspettiamo sulla scena del crimine, non ci sono Alibi che tengano.

Pagina Facebook | Sito web

Share Button